Messina the new city from liberty to functionalismThis leaflet provides information about a brief itinerary on the site of the new Messina which was built after the 1908 earthquake. There are historically and stylistically eclectic buildings which can be placed between late Liberty and Functionalist styles. In order to be brief only some buildings have been selected while others of equal interest have been omitted. The intention of those responsible for rebuilding the city was to construct prestigious buildings which respected strict anti-seismic regulations (no more than 12 metres high). Coppedè, Piacentini, Basile, Autore, Bazzini, Puglisi-Allegra, Calandra, Mallandrino, Vinci, Inerdonato, Botto and Viola are only a few of the vast number of professionals who, in less than thirty years, between 1910 and 1940 completely rebuilt the city of the Strait. The use of “formwork”allowed decorations of the facade in cement since by law stone could not be employed in sculptures except at the base of the buildings. It is interesting to note the widespread use of polychrome graffiti in the decoration of the external walls and the use of wrought iron for gates and balcony railings. The particular building techniques makes Messina a unique phenomena, if we remember that a whole city was rebuilt in the lifespan of a single generation. Within the new urban area we can find the remains of a multimillenial past (fountains, statues, theatre and churches indicated on the map by a green flag) because it should be remembered that the first human settlement in Messina goes back to the late Neolithic period. In the Bronze Age (18th to 13th centuries B.C.) the prehistoric settlement occupied the space contained in the itinerary suggested here (today Via Garibaldi, Via Cannizzaro and Via Cavour), a continuity closely linked to the decisive role played by the sickle-shaped harbour. From the time of the Argonauts to that of the cruise tourists of today, Messina has seen four thousand years of history, art, traditions and culture as it is possible to see on a visit to our Museum, famous for the works of Antonello and Caravaggio.

Franz Riccobono

Filter by

 
1. Palazzo del Governo
Palazzo del Governo (1914) di Cesare Bazzini. Nel prospetto presenta motivi ispirati allo stile Liberty, specie nelle cancellate. Sul retro i resti della chiesa di San Giovanni di Malta (XVI Sec.) ed il sacrario di San Placido.
Directions
2. Is. 409 (VI comparto) Palazzo Loteta (1916) Arch. Gino Coppedè.
I comparti V e VII a seguire verso nord furono realizzati dall’Ing. Vincenzo Vinci a cui si deve il II Comparto dell’Is. 410, Palazzo Carrozza, prospiciente su piazza Prefettura.
Directions
3. Fonte del Nettuno
Fonte del Nettuno (1557) opera di Giovanangelo Montorsoli, esalta i miti locali del mare, rappresentati da Scilla e Cariddi.
Directions
4. Statua colossale di Re Ferdinando II di Borbone
Statua colossale di Re Ferdinando II di Borbone, benemerito per la riapertura a Messina dell’Università degli Studi (1838), del Teatro S. Elisabetta (1852), oggi Vittorio Emanuele, e la concessione del Porto Franco (1849). L’opera, di Pietro Tenerani, venne fusa a Monaco di Baviera nel 1857.
Directions
5. Monumento agli Eroici Marinai Russi
Monumento agli Eroici Marinai Russi realizzato su bozzetto di Pietro Kufferle nel 2012, dono della Confederazione Russa.
Directions
6. Is. 387 - Edificio della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera
Is. 387 - Edificio della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera. Progetto dell’Ing. Antonio Ricciardi con motivi decorativi legati al mare.
Directions
7. Is. 367 - Palazzo Vaccarino
Is. 367 - Palazzo Vaccarino tra Via M. Aspa e Via A. Laudamo. Ing. Gaetano Bonanno, in stile neorinascimentale.
Directions
8. Is. 340 - Teatro Vittorio Emanuele
Is. 340 - Teatro Vittorio Emanuele (già S. Elisabetta) Arch. Pietro Valenti (1852) sventrato e ricostruito nel 1980.
Directions
9. Is. 339 (I Comparto)
9. Is. 339 (I Comparto) - Tra Via Pozzoleone e Via Cavalieri della Stella - Arch. Giovanbattista Peresutti, con decoro a rilievo neobarocco.
Directions
10. Is. 331
Is. 331 - Prospiciente piazza Municipio, riproduce nella facciata il disegno della Palazzata del Minutoli (1805).
Directions
11. Is. 324 - Palazzo Comunale
Is. 324 - Palazzo Comunale - Arch. Antonio Zanca iniziato nel 1912 terminato nel 1937. Stile Eclettico.
Directions
12. Monumento ai Caduti.
Monumento ai Caduti. Opera di Giovanni Nicolini del 1936.
Directions
13. Palazzo Littorio
Palazzo Littorio - Ing. Guido Viola (1937). Interamente rivestito di marmi e travertino, poi in gran parte eliminate le sculture originali, in stile razionalista.
Directions
14. Is. 319 - Largo San Giacomo e Palazzo Waighert
Is. 319 - Largo San Giacomo e Palazzo Waighert su via Argentieri/Consolato del mare - Studio Coppedè.
Directions
15. Is. 314
Is. 314 -Vie Garibaldi - Battisti - Castellamare. Decoro dei prospetti di Coppedè, progetto Ing. Giuseppe Mallandrino (1918). E’ il più articolato repertorio di motivi decorativi di ispirazione medievale.
Directions
16. Chiesa della SS. Annunziata dei Catalani
Chiesa della SS. Annunziata dei Catalani - XIII Secolo. La quota ribassata corrisponde al livello stradale della città preterremoto.
Directions
17. Is. 312 - Palazzo Cerruti
Is. 312 - Palazzo Cerruti - studio Coppedè (1916) - I prospetti, un tempo ricchi di decori a rilievo e grafiti, risultano scarnificati a seguito dei bombardamenti del 1943.
Directions
18. Palazzo del Banco di Sicilia
18. Palazzo del Banco di Sicilia - Arch. Camillo Autore (1935). Fu il primo edificio della nuova Cortina del Porto, a cerniera tra Via Garibaldi e Via I Settembre.
Directions
19. Is. 305 - (III Comparto) Palazzo Arcivescovile
Is. 305 - (III Comparto) Palazzo Arcivescovile - Ing. Enrico Fleres (1915) con decori a soggetto religioso.
Directions
20. Is. 297/A - Palazzo Banco di Roma
Is. 297/A - Palazzo Banco di Roma - Ing. Giovan Battista Peresutti - caratterizzato dal disegno neorinascimentale.
Directions
21. Is. 297 - Palazzo Cassa di Risparmio V. E.
Is. 297 - Palazzo Cassa di Risparmio V. E. - Arch. Ernesto Basile (1926) con retrostanti resti di S. Maria degli Alemanni (XII Secolo).
Directions
22. Is. 283 - Chiesa di S. Caterina Valverde
Is. 283 - Chiesa di S. Caterina Valverde - Arch. Cesare Bazzani (1929) con all’interno preziose opere a tarsia marmorea del XVII e XVIII Secolo.
Directions
23. Is. 284
Is. 284 - Angolo via Garibaldi, Via S. Elia - Ing. Pietro Interdonato (1916), risulta nei prospetti il più aderente allo stile floreale (secondo piano sopraelevato successivamente).
Directions
24. Is.227 - Palazzo Iannello
Is.227 - Palazzo Iannello - Ing. Giuseppe Mallandrino (1912), in origine più ricco di decori, perduti a seguito dei bombardamenti del 1943.
Directions
25. Is. 271 - Palazzo Forestale e Monopoli di Stato
Is. 271 - Palazzo Forestale e Monopoli di Stato - Arch. Cesare Bazzani e Ing. Vincenzo Salvadore (1926).
Directions
26. Is. 268 - Università degli Studi
Is. 268 - Università degli Studi - Arch. Giuseppe Botto (1912 - 1928). I corpi laterali furono soprelevati nel secondo dopoguerra.
Directions
27. Is. 216 - Palazzo di Giustizia
Is. 216 - Palazzo di Giustizia - Arch. Marcello Piacentini (1912 - 1928). Le colonne all’ingresso sono in pietra di Mandanici in deroga alla normativa antisismica del tempo.
Directions
28. Is. 215 - Palazzo degli Ufficiali
Is. 215 - Palazzo degli Ufficiali - Ing. A. Ricciardi.
Directions
29. Is. 306 - Liceo Maurolico
29. Is. 306 - Liceo Maurolico - Ing. Pietro Interdonato (1924), ornato da sculture a rilievo sul lato di Via della Zecca.
Directions
30. Is. 307 IV Comparto
30. Is. 307 IV Comparto - Angolo Via della Zecca - Arch. Gino Coppedè, con tipica tettoia aggettante e decori a grafito.
Directions
31. Is. 307 VI comparto
31. Is. 307 VI comparto, angolo Piazza Duomo - Ing. Pietro Interdonato (1920), con decori a grafito e figure a rilievo.
Directions
32. Is. 317 - Palazzo delle Poste
32. Is. 317 - Palazzo delle Poste - Arch. Mariani - tra i primi a essere ricostruito (1912).
Directions
33. Is. 315- Palazzo della Provincia
33. Is. 315- Palazzo della Provincia - Ing. Alessandro Giunta (1914/1918).
Directions
34. Is. 323 - Galleria Vittorio Emanuele
34. Is. 323 - Galleria Vittorio Emanuele - Arch. Camillo Puglisi Allegra (1929), tra i più eleganti edifici cittadini, con mosaici, sculture, ferro battuto e vetrate in stile eclettico.
Directions
35. Is. 328 - Palazzo Natoli
35. Is. 328 - Palazzo Natoli - Ing. Gaetano Bonanno – dal rigido disegno neoclassico (1922).
Directions
36. Is. 329 Palazzo Rosa o di Marmo
36. Is. 329 Palazzo Rosa o di Marmo - Arch. Camillo Puglisi Allegra di stile Razionalista, con decori nella facciata e ferri battuti.
Directions
37. Is 328 Comp. A2
37. Is 328 Comp. A2 - Chiesa S. Antonio Abate - Ing. F. Barbaro (1927), a pianta centrale e all’interno affreschi di Salvatore De Pasquale e marmi settecenteschi.
Directions
38. Is. 340 - Sala Laudamo
38. Is. 340 - Sala Laudamo - Ing. Vincenzo Vinci (1912), fu tra i primi edifici pubblici ricostruiti, di decori liberty all’interno.
Directions
39. Palazzo Viola
39. Palazzo Viola (Is. 370 III comp.) - Ing. Guido Viola (1922), ricco di decori eclettici a rilievo.
Directions